Tag Archives: design

Ciao Bernardo Secchi, urbanista contemporaneo

Questo post è dedicato a Bernardo Secchi, Professore ordinario di Urbanistica all’Istituto Universitario di Architettura di Venezia (IUAV), recentemente scomparso.

Lo avevamo incontrato qualche anno fa in Appartamento a Milano per uno degli appuntamenti della serie “Dialoghi”.  In quell’occasione ci aveva raccontato i suoi progetti come “Le Grand Paris” spiegandoci come il design e l’urbanistica siano più simili di quel che si possa pensare. Entrambe le discipline, secondo l’Urbanista, si devono interrogare sul come le persone si muovono nello spazio e perseguire l’obiettivo di migliorare la loro vita grazie a un progetto di design.

Bernardo Secchi

Continue reading

LAGO STUDIO Workshop con Troy Nachtigall

E’ terminato il primo workshop LAGO STUDIO. I 10 designer selezionati hanno lavorato per due settimane attorno al LAGO Community Table collocato al centro dello showroom della nostra LAGO FABBRICA. Il brief assegnato era ” Interior Life “. Gli è stato chiesto di ragionare su prodotti di design capaci di migliorare la vita delle persone.

10535635_575039819275363_265537464861644578_o

Continue reading

Salone del Mobile 2014 – Day 2

Giornata intensa oggi al Salone…

20140409_140837_b

20140409_140822_b

20140409_140938_b

Quest’anno festeggiamo i 10 anni del 36e8, il primo mattoncino del nostro design; un modulo di 36,8 x 36,8 cm di lato con cui abbiamo rivoluzionato la metrica del settore. Grazie a questo modulo quadrato abbiamo dato a tutti la possibilità di comporre in totale libertà.

10-years-anniversary_web

Al Salone presentiamo tre novità sul 36e8: la versione Side con i fianchi colorati, la versione con i frontali in legno Wildwood e la carta da parati Playwall 36e8 (brevetto Jannelli&Volpi) con una superficie velcrata a cui attaccare le mensole, staccarle e riposizionarle facilmente dove si vuole.

Venite a trovarci e a dare sfogo alla vostra creatività. Vi aspettiamo: Pad. 16 – Stand B25/C30.

#9 Il design sei tu, noi forniamo l’alfabeto.

1965062_10152440808612577_9004811104630498504_n

Lago, il design “olistico”

«Quello che facciamo parte da un’idea di design non come decoro o elemento superfluo, ma come qualcosa che genera benessere. Il punto di partenza è una visione “olistica” della fabbrica: vedere l’insieme delle componenti come un valore aggiunto rispetto a singole parti magari riunite, ma scollegate» spiega Daniele Lago, amministratore delegato e head of design.

Leggi l’intervista di VeneziePost, il magazine che racconta la cultura italiana nel mondo.

Lago Rassegna Stampa

Lago Rassegna Stampa – Monitor di VeneziePost Febbraio 2014

 

 

Appartamento Lago e Radiobici

Cultura, condivisione, sostenibilità sono valori da sempre inscritti nel dna LAGO. Per questo quando abbiamo conosciuto Maurizio Guagnetti, giornalista di Radio 105, non potevamo che appoggiare il suo progetto Radiobici e sentirlo immediatamente vicino al nostro Appartamento LAGO.

Il motivo? Il viaggio. L’Appartamento LAGO è un progetto che tocca luoghi diversi e persone diverse creando connessioni nuove, ma è anche un viaggio negli interni d’Italia, da Nord a Sud, da Est a Ovest. Ogni casa ha una personalità unica, ritagliata su quella del tenant.

apt treviso

Radiobici, invece, è un viaggio negli esterni, alla ricerca della bellezza dei luoghi, ma con un punto di vista insolito. È un percorso attraverso l’Italia per raccontare le storie di chi cerca, ogni giorno, di produrre valore nonostante la crisi. E lo fa in modo sostenibile.

Con l’Appartamento LAGO Radiobici condivide anche l’approccio partecipativo e la volontà di trasmettere cultura coinvolgendo il territorio nazionale e tutte le parti sociali.

Radiobici Massimo Guagnetti

Maurizio Guagnetti si sposta su di un mezzo ecologico, la bicicletta; il che ci sembra anche un perfetto proseguimento dopo il progetto Man on the river di Giacomo de Stefano e il suo viaggio sostenibile attraverso i fiumi d’Europa.

Mentre l’intervistato pedala su Radiobici, attrezzata in maniera speciale per accogliere l’ospite, da marzo a luglio Maurizio intervista sindaci, filosofi, scrittori, sportivi, personaggi della contemporaneità. Guida spirituale di Radiobici è Philippe Daverio che potete ascoltare in questo video, mentre racconta la storia della Milano medioevale.

Lunedì 29 luglio, alle 15.00, dopo una sosta all’Appartamento LAGO di via Brera 30 a Milano toccherà a Daniele Lago accomodarsi sulla Radiobici e a pedalare.

Vi terremo informati. Nel frattempo potete seguire tutte le altre tappe del viaggio.

Air Wildwood, un tavolo che ha un’anima

Quando compriamo qualcosa raramente pensiamo al processo che sta dietro. Siamo così impegnati a scegliere la forma, a combinare i colori, a capire se le dimensioni sono giuste o no per casa nostra che ci dimentichiamo di approfondire.

Spesso le aziende non contribuiscono a colmare questo gap, perché in genere non si preoccupano di comunicare il processo, ma solamente il prodotto finito. Ad esempio, che cosa spinge un’azienda a realizzare un prodotto piuttosto che un altro? Quante ore servono per produrlo? E quanti prototipi sono stati realizzati prima di arrivare alla versione definitiva?

Prendiamo il tavolo Air Wildwood. Ci sono voluti ben 22 modelli per arrivare al prototipo definitivo e 120 ore per progettarlo e ingegnerizzarlo, ma ci piaceva l’idea di introdurre in collezione questo legno così vissuto…quasi come se avessimo raccolto un tronco trasportato dalla marea sulla spiaggia e lo avessimo usato per fare tavoli, mensole, letti…

Air wildwood_table

Ogni tavolo Air in Wildwood è unico, ha venature diverse, ha un’anima. E poi il legno è un materiale che comunica verità, emozione, tempo.

Tempo. È quella dimensione che dà la misura di quanta cura venga messa nella creazione di qualcosa.

Se vi dicessi che il processo di produzione del vostro tavolo Wildwood dura 12 ore e richiede la passione di 5 artigiani? Forse riuscireste a sentire quanta attenzione ed esperienza vi ha messo chi l’ha realizzato.

lavorazione wildwood

Ma il tavolo Air Wildwood è anche altro. È un tavolo con una memoria, un prodotto che acquisisce una storia man mano che lo si usa, dove anche il più piccolo sfregio, dovuto all’usura, comunica qualcosa della vita che gli accade attorno. Un tavolo che invita alla condivisione.

Vi lascio con un po’ di numeri. E, perché no, la possibilità di vincerlo partecipando al contest Lago “Design is changing”. Basta cliccare qui!

numeri tavolo air wildwood

Bucks University @ Lagostudio

post-bucks

Anche quest’anno è arrivato il momento di accogliere in Lagostudio gli studenti del corso di laurea in Furniture Design della Bucks New University.

Giunto ormai alla sua quinta edizione, il workshop con l’università del Buckinghamshire permette a una selezione di studenti internazionali di confrontarsi con la realtà creativa e produttiva di LAGO, facendo esperienza di come nasce e si sviluppa un prodotto di design italiano.

Una settimana, dal 17 al 22 giugno, in cui gli aspiranti designer interagiranno con i dipartimenti creativo e tecnico e lavoreranno a un tema specifico: gli spazi lavorativi, la tecnologia e i bisogni del professionista di oggi.

bucks at Lagofabbrica

Come creare valore nella filiera del design andando ad agire sui processi, oltre che sul prodotto?

Ieri, primo giorno di workshop, gli studenti si sono immersi nella LAGOFABBRICA per capirlo e hanno risalito tutta la produzione LAGO dalla falegnameria, dove arrivano le materie prime, al reparto logistico, dove i prodotti vengono spediti.

Un benvenuto quindi a Lynn Jones e Alex Hellum, i due tutor, e agli studenti che, proveniendo da ben cinque paesi europei diversi – Finlandia, Germania, Croazia, Inghilterra, Islanda – portano in LAGO un respiro internazionale.

Bucks-University

La creatività è anche donna

In occasione della Festa dell’8 marzo, facciamo un omaggio al mondo femminile, ricordando l’evento che da 100 anni ricorda la giornata Internazionale della Donna, in particolare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, le discriminazioni e le violenze che hanno subito e che sfortunatamente molte donne tutt’ora continuano a subire.

Oggi la situazione è migliorata e le donne stanno assumendo un ruolo sempre più attivo in ogni campo della vita. Anche l’ambito artistico e del Design sta subendo la loro positiva influenza.
Nel corso degli anni, la figura femminile ha rappresentato per il mondo dell’arte una musa ispiratrice per l’opera di molti pittori, scultori, musicisti ed artisti. Pensare anche solo per un istante cosa sarebbe l’Arte senza la componente femminile significa comprenderne la centralità del suo ruolo. Ma molte sono le donne che hanno saputo valorizzare il proprio talento, diventando artefici della stessa produzione artistica.

 

Donna è quindi anche sinonimo di creatività e non possiamo che parlare oggi delle donne che in LAGO hanno portato la loro creatività:

Britt Leissler e la sua poltroncina Huggy, vincitrice del Good Design Award 2009

Nuša Jelenec e il letto Col-letto, vincitore dell’Elle Decoration Design Awards 2010

e Monica Graffeo con il letto Steps B, selezionato per Adi Index 2009


Ma non solo… anche Design Conversations, primo corporate blog italiano del settore arredo, oggi è gestito principalmente da donne! Proprio nei giorni scorsi è stata pianificata dalle donne dell’Ufficio Marketing la pubblicazione dei contenuti del Blog e della Community. Alla riunione hanno partecipato attivamente anche le studentesse dello Iaad, molto interessate al mondo del Web Design.

Un augurio a tutte le donne in questo giorno speciale!

Il ciclone Lago sconvolge l’arredamento

Domenica 9 è stato pubblicato questo emozionante articolo sul Corriere del Veneto. Origini, idee e filosofia con i quali la giornalista Macri Puricelli cerca di delineare il profilo di Lago.

Le origini risalgono agli anni ’50 quando il nonno gestiva il laboratorio artigianale produceva mobilio per le chiese veneziane. Negli anni a seguire l’attività viene gestita dal padre e dal fratello maggiore di Daniele, Franco. L’azienda diventa srl e conta 18 dipendenti. Il nostro designer mette piede in azienda all’età 18 anni..e così inizia il vortice. Oggi infatti quel laboratorio artigianale è un spa che conta 170 dipendenti ( di età media 34 anni), una rete distributiva di 350 punti vendita, 27 negozi nel mondo ed un fatturato che in sei anni da 5 milioni è arrivato ad essere pari a 30 milioni.

Sin dalle prime righe dell’articolo si percepisce chiaramente come qui tutto corre…soprattutto le idee. Le parole di Daniele scorrono e la giornalista coglie puntalmente quei concetti chiave che costituiscono il perno attorno al quale ruota Lago. Apertura, umanità, cultura sono valori che descrivono una realtà in cui oltre al prodotto, c’è un approccio che concretizza il concetto di partecipazione e condivisione in tutto ciò che si pensa e si fa. Macri evidenzia che persino la stessa mensa aziendale sia un posto dove si pratica il valore “conviviale” e dello scambio. Anche l’ultimo nato, il progetto Appartamento, rispecchia la volontà e l’obiettivo di contaminare ed essere contaminati.

Questo è sicuramente un articolo con il quale la giornalista non solo descrive ma trasmette l’idea di una realtà aziendale che, volendosi aprire sempre all’esterno e utilizzando l’arte e la cultura come elemento propulsore, è e sarà in continuo movimento.