Tag Archives: design lago

Giornata del Libro, vai in Open e mettici la faccia

Oggi è la Giornata Mondiale del Libro. Per promuovere la lettura partecipiamo con Open Milano alla campagna promossa da Città Invisibili “Ci metto la faccia”.

Open Milano

Dal 23 al 30 aprile gli amanti della lettura possono recarsi in una delle librerie che aderiscono all’iniziativa e metterci la faccia, passando da lettori invisibili a lettori visibili.

Come funziona

1. Recatevi nella libreria aderente più vicina con il vostro libro preferito;
2. Mettete il libro vicinissimo al volto;
3. Fatevi scattare una foto;
4. Scegliete una frase dal vostro libro.

Il libraio caricherà la foto nel portale www.cittainvisibili.org – Sezione “Ci metto la faccia” – assieme ai vostri dati e alla frase del libro che avete scelto.

Ci metto la faccia Ci metto la faccia

Vi aspettiamo in Open, Viale Montenero, 6 Milano.

Se non siete di Milano, cercate la libreria aderente più vicina a voi in quest’elenco.

città invisibili ci metto la faccia

Lago, il design “olistico”

«Quello che facciamo parte da un’idea di design non come decoro o elemento superfluo, ma come qualcosa che genera benessere. Il punto di partenza è una visione “olistica” della fabbrica: vedere l’insieme delle componenti come un valore aggiunto rispetto a singole parti magari riunite, ma scollegate» spiega Daniele Lago, amministratore delegato e head of design.

Leggi l’intervista di VeneziePost, il magazine che racconta la cultura italiana nel mondo.

Lago Rassegna Stampa

Lago Rassegna Stampa – Monitor di VeneziePost Febbraio 2014

 

 

Lago Object, arriva la collezione Vita-Nova di Giovanni Scafuro

Giovanni Scafuro

Dopo Filodolce di Giovanni Casellato, LAGO continua la ricerca di oggettistica di design con un’anima artigiana presentando Vita-Nova di Giovanni Scafuro.

La collezione raccoglie oggetti che prima erano altro come tazze, biscottiere e zuccheriere, dove la ceramica bianca e minimale viene perfettamente bilanciata dalla presenza di una posata che la trapassa e funge da manico, o come vecchi piatti decorati che diventano gioielli e oggetti per la casa.

Siamo andati a intervistare l’autore: Giovanni Scafuro, artigiano milanese che ha respirato, giovanissimo, l’aria delle botteghe di Napoli incontrando ceramisti, fabbri e falegnami dai quali ha appreso l’arte del lavoro manuale. Il riciclo e il recupero sono una costante del suo continuo processo di sperimentazione e il punto di partenza per creare Vita-Nova che, mescolando tecniche e materiali, conferisce nuova vita a oggetti di uso quotidiano.

Giovanni, ti definisci handesigner…chi è un handesigner?

Il termine handesigner è per me un modo diverso di dire artigiano, colui che progetta, realizza e sperimenta. Deriva da handesign ovvero “hand & sign” dove la mano indica la manualità che è sempre dietro ai miei oggetti e il segno la progettazione sperimentale. Due concetti essenziali, a mio avviso, per dare un’anima all’oggetto e renderlo unico.

Come hai deciso di diventare handesigner?

In realtà è nato tutto un po’ per caso, circa 20 anni fa, saltellando di bottega in bottega tra i vari artigiani napoletani: Nicola, un mastro vetraio, l’ultimo a Napoli a realizzare gli specchi in maniera artigianale; Raffaele l’ebanista che riconosce il legno solo dall’odore; Mario, il fabbro che non ha bisogno del metro per conoscere la misura di un tubo; Antimo, il ceramista che tira su vasi a occhi chiusi; Marcello che realizza vetrate tiffany e con cui, nelle pause pranzo, progettavo tutto e nulla sui cartoni delle pizze e poi Gennaro, il pittore che mi ha insegnato a guardare i colori…e tanti altri. Da loro ho appreso sia le tecniche, spesso tradizionali, che il modo di guardare le cose da un punto diverso, inusuale. E ho iniziato a realizzare oggetti che, negli anni, raggruppavano sempre più tecniche e materiali, riutilizzando qualcosa di già esistente, giunto ormai alla fine del ciclo di vita.

Qual è l’idea alla base del tuo design?

Guardare con occhi nuovi le cose, dargli una nuova direzione e un’altra vita. Lavorando con materiali di riciclo mi faccio dapprima ispirare dal materiale, poi cerco di combinare le tecniche cercando di creare qualcosa di inedito. Spesso mi faccio ispirare da quello che viene “rifiutato” e che trovo nei mercatini delle pulci o da antiquari e robivecchi come i vecchi piatti di porcellana che hanno una manifattura eccellente e che, se sbeccati, vengono considerati rifiuti. Questa cosa non mi andava giù, così ho realizzato una linea di gioielli. Le vecchie posate in alpacca, invece, le trasformo in decorazioni per la casa come centrotavola o lampade.

Ho notato che hai una passione smodata per le forchette. Da dove nasce?

La forchetta è l’oggetto su cui ho scelto di focalizzare la mia sperimentazione, sia perché il metallo è il mio materiale preferito, dato che non necessita di lunghi tempi di lavorazione come il legno, la ceramica o il vetro, ma anche per il legame che ha con il quotidiano. Mi diverte guardare il sorriso delle persone quando scoprono che ho utilizzato la forchetta per un gioiello o l’ho trasformata nel manico di una tazzina. Vederla con altri occhi spesso stupisce, perché ha una forma e un utilizzo che riteniamo solitamente immutabile.

Ci parli della collezione che hai sviluppato per Lago?

La collezione Lago Vita-Nova raccoglie oggetti che prima erano qualcos’altro, come le ceramiche bianche e minimali (tazzine, tazze da tè, biscottiere, zuccheriere) che vengono perfettamente bilanciate dalla presenza di una posata che le trapassa e funge da manico. O vecchi piatti decorati recuperati da antiquari o nei mercatini dell’usato e trasformati in gioielli e oggetti per la casa. La cosa che mi interessa di più del riutilizzo è la ricerca di un nuovo punto di vista, usando al meglio il materiale sia per le sue caratteristiche tecniche, che per il suo lato estetico.

Giovanni Scafuro al lavoro

A Bari, il primo Appartamento LAGO Real Estate

In occasione del MADE Expo abbiamo lanciato “Appartamento LAGO Real Estate”, un progetto rivolto a costruttori e immobiliaristi che, nell’arredare la prima unità abitativa di un complesso edilizio, possono usufruire della consulenza di un designer Lago.

Sabato 5 ottobre, nel cantiere di via Matarrese a Bari, si è tenuta la conferenza di inaugurazione di quello che è il primo esempio di Appartamento LAGO Real Estate. L’appartamento fa parte di Noema, un progetto di edilizia residenziale e direzionale di 9 ettari nelle vicinanze di Santa Fara creato, personalizzato e interpretato da Noema Immobiliare. La progettazione completa dell’Appartamento, dalla divisione interna alla scelta degli arredi, è stata a cura del team di Lagostore Bari (Gianni, Benny, Ann Katrin, Raffaella, Giuliano) e Lagospace “Il Chiodo”.

Panoramica Appartamneto LAGO Noema

Alla conferenza di presentazione hanno partecipato Simone Degennaro, amministratore unico Noema, Vito Coppola, architetto e designer e Daniele Lago in collegamento da Milano.

L’appartamento di via Matarrese fa parte di un’area residenziale e direzionale che conta ben 750 unità abitative in grado di ospitare circa 2mila persone e 70mila metri quadrati di spazi a uso ufficio.

Noema cantiere

L’unità campione era, in origine, un due vani con un solo affaccio dotato di bagno e cucinino. Dal momento che difficilmente avrebbe potuto soddisfare tutte le necessità di una famiglia tipo (genitori e figlio), il team progettazione del Lagostore Bari ha ricreato gli ambienti ottimizzandone gli spazi e scegliendo la versatilità dei sistemi LAGO per l’arredamento.

Cucina Appartamento LAGO Noema

Al posto del cucinino è quindi nata una seconda stanza da letto, mentre la funzione del cucinare è stata trasferita nel living. In pochi metri quadrati sono stati ricavati: l’angolo conversazione, l’angolo cottura, la zona pranzo, nonché la zona ingresso completata dalla libreria Tangram.

La camera matrimoniale, stretta e lunga, è stata ricavata tagliando in due la stanza e riquadrando così due spazi autonomi e al contempo integrati.

Camera da letto Appartamento LAGO Noema

Con gli armadi N.O.W. si è realizzato un vestibolo nella parte antistante più buia, una sorta di filtro che conduce all’alcova inondata di luce dove si può riposare sospesi in un letto Fluttua.

Armadi Appartamento LAGO Noema

La scelta di arredare un appartamento di dimensioni ridotte, invece di un appartamento di dimensioni maggiori del complesso Noema, è stata sfida e provocazione insieme, a dimostrazione che il design LAGO, modulare per sua natura, riesce a dare vita ad ambienti eleganti e originali nei diversi tipi di spazio.

 

L’evoluzione delle cucine Lago

La cucina ha un potere evocativo che nessun altro ambiente della casa possiede, perché si ricollega al senso dell’olfatto, il più atavico. È il cuore pulsante della casa, il centro della convivialità.

cucina-salotto

Le nostre prime cucine le abbiamo progettate nel 2008 a partire dal modulo 36e8, il nostro mattoncino base: un quadrato di 36,8×36,8 cm che permette di avere tanta versatilità di composizione.

Un modulo innovativo, quanto atipico nell’ambiente cucina, che ha dato vita a un linguaggio estetico nuovo in totale controtendenza con la tradizione che voleva multipli di 15 o 30 cm, giusti per farci stare gli elettrodomestici da incasso.

Con quel modulo ci siamo divertiti a creare alberi, nuvole, aragoste; abbiamo giocato con il linguaggio astratto e quello figurativo. Ma soprattutto abbiamo consegnato a ciascuno la possibilità di costruirsi da solo la propria cucina, mescolando contenitori, profondità, finiture, colori.

lago alberi e nuvole

Una possibilità che si è arricchita nel tempo di nuovi materiali come il Wildwood, perfetto per il top della cucina; un materiale a cui teniamo particolarmente, perché è autentico, pieno di calore e in cucina acquista ancora di più una storia, visto che più lo si usa e più parla di vita, di convivialità, di condivisione.

E poi c’è il sistema Weightless che permette di sfruttare pensili che scendono dal soffitto e con il quale si possono creare isole suggestive e funzionali a centro stanza.

Cucina 36e8 Wildwood

In questi cinque anni abbiamo lavorato molto anche all’organizzazione dello spazio, per rispondere in modo efficace alle necessità e alla gestualità del cucinare, studiando l’ergonomia e arricchendo le basi, i pensili, la dispensa N.O.W. di accessori pratici ed eleganti, di cassetti e colonne estraibili.

Accessori cucina Lago

Accanto ai frontali in vetro, recentemente abbiamo introdotto anche il laccato per consegnare al consumatore una cucina progettata pensando prima di tutto alla funzionalità.

Ma non ci è bastato. Il progetto Interior ha completato l’ambiente con pavimenti, piastrelle, finiture murarie e carte da parati che dialogano perfettamente con la cucina 36e8. Una collezione che abbiamo voluto perché il design migliora la vita quanto più è armonioso e coerente.

36e8_kitchen

Ci sono tante altre piccole caratteristiche che servono a semplificarti la vita, come le aperture push-pull o le basi che puoi aprire con un tocco.

Vuoi scoprire le altre? Cucina con noi! 

Opening Appartamento LAGO Torino Venaria

Dopo l’apertura del vicino Appartamento di Torino, ora è la volta di Venaria a conferma che il territorio piemontese è sempre molto ricettivo al mondo del design e della creatività. Non a caso in occasione di World Design Capital, nel 2008, fu proprio la Reggia della Venaria ad ospitare la grande mostra sulla collezione storica del Compasso d’Oro.

Inaugureremo l’Appartamento LAGO Torino Venaria, giovedì 22 marzo. L’opening sarà animato da una performance teatrale che permetterà di apprezzare la filosofia che permea il progetto di ristrutturazione. L’idea è quella barocca del “niente è come sembra“: i mobili vengono utilizzati in modo anticonvenzionale così i quadri diventano sedute, le librerie tavoli da lavoro, il letto luogo per il pasto.

appartamento torino venaria

A partire dalle 18 alcuni attori si travestiranno sottolineando con brevi performance il passaggio dall’ora del tè (18-19) a quella dell’aperitivo (19-20), dalla cena (20-21) al dessert (21-22).

Le 4 fasce orarie saranno accompagnate da un sottofondo musicale specifico e da un’essenza profumata in abbinamento che sarà diffusa negli ambienti per un evento all’insegna della polisensorialità.

Per prenotarsi agli eventi, basta prenotare un biglietto nel form qui sotto:

L’Appartamento LAGO Torino Venaria si trova, nel centro storico di Venaria Reale, all’interno di un palazzo dell’800. Si tratta di un ex negozio di biciclette ristrutturato e ospitante lo studio di architettura IDEeA di Emanuele Franco.

Lo studio è adiacente alle Scuderie Juvarriane della Reggia di Venaria, patrimonio Unesco dell’Umanità, animata ogni giorno da concerti, spettacoli e attività culturali. Lo spazio IDEeA è un laboratorio di progettazione e creatività.

Vieni a scoprire l’interior in via XX Settembre, Venaria Reale, Torino.

Il nostro primo Appartamento all’estero

Quando abbiamo iniziato l’avventura Appartamento, in occasione del Salone del Mobile del 2009, non potevamo immaginare che quell’idea di arredare un anonimo appartamento di via Tortona con i nostri mobili e andarci a vivere aprendo le porte a chiunque volesse visitarlo, ci avrebbe portato così lontano.

Dopo 9 appartamenti in Italia, giovedì 9 febbraio, apriamo il nostro primo Appartamento all’estero. Non lo apriamo a Madrid o a Barcellona, come ci si aspetterebbe, ma ad Alicante. Perché il progetto Appartamento è una piattaforma aperta, dove chiunque può candidarsi e proporre il proprio Appartamento.

L’Appartamento di Alicante in nuce c’era già quando Mariano, l’attuale tenant, visitò quello di Milano Brera durante la Milano Design Week del 2010. Fu amore a prima vista. Mariano, che di professione fa il dentista, si innamorò dell’atmosfera dell’Appartamento, delle attività sociali che avvenivano attorno alla cucina, nel living, in tutta la casa. E decise che voleva ricreare la stessa atmosfera a casa sua, ad Alicante.

appartamento lago alicante

L’Appartamento LAGO Alicante conta 300 mq, è il più grande fra tutti gli Appartamenti LAGO ed è un progetto nato dalla collaborazione fra Mariano, Juan de Dios Martos di Interiorismo Casamayor e Francisco Galvañ di Muebles Galvañ.

L’apporto di Mariano è stato geniale grazie all’innovativa idea dell’armadio NOW che scivola su una corsia creando ora un’unica camera, ora tre piccole camere. Un accorgimento che riflette bene il vivere contemporaneo, fluido e sempre in movimento, con gli spazi che mutano forma a seconda delle esigenze.

La cucina 36e8 è una delle più grandi mai progettate per un appartamento, mentre nel salotto di casa c’è uno spazio dedicato ai concerti…davvero poco comune.

Vi aspettiamo all’inaugurazione per scoprire il resto in Calle Castaños 16, 3° piso, Alicante.

Opening LAGOSTORE Rimini

Ecco una piccola gallery sulla serata d’inaugurazione del LAGOSTORE Rimini. Riuscitissima.

Sono passati a trovarci anche il sindaco di Rimini e l’Architetto Semprini, quello che ha disegnato il divano Bocca.

Opening LAGOSTORE Rimini

Opening LAGOSTORE Rimini

Opening LAGOSTORE Rimini

Il resto delle foto le trovate nella nostra bacheca di Facebook.

 

Apre il LAGOSTORE Rimini

Una nuova apertura andrà a rinverdire le fila dei LAGOSTORE italiani.

Giovedì 29 settembre apriamo il primo LAGOSTORE Rimini.

nuovo lagostore rimini

Il buffet è in collaborazione con la piadineria Nudecrud.

Per la musica, invece, abbiamo ingaggiato un DJ d’eccezione: Patrice Ayivi di Thumbz’ Up Academy, Accademia teatrale di Rimini in collaborazione con Jamit Music Production. Patrice Ayivi è francese, di professione fa il ballerino-coreografo. Ha ballato nei più importanti locali europei e alle più esclusive feste private di importantissimi brand della moda italiana come Versace, Armani, Roberto Cavalli. Si è occupato di coreografie per brand come Kappa, Converse, Bacardi, Coca Cola, Redbull, etc. Autore di BRODA su MTV Italia (Comedy Lab) e cabarettista a Colorado Cafè, Zelig al teatro (strangers in the night), ha anche partecipato a video musicali di artisti italiani come Rosalinda Celentano, Stefano Secchi, Articolo 31. Art director al Teatro Alberti.

Vi aspettiamo in Corso d’Augusto, 212 Rimini alle 18.00.


Re-design Bathroom @ LAGOSTORE Bologna

Dopo il successo dei nuovi bagni LAGO alla Milan Design Week 2011, tre dei nuovi lavabi concepiti da Daniele Lago saranno presentati eccezionalmente giovedì 22 settembre al LAGOSTORE Bologna, in concomitanza con il CERSAIE.

Invito Lagostore Bologna redesign bathroom

Al centro della presentazione il rivoluzionario lavabo Skin, realizzato in collaborazione con Trend. Skin è un lavabo in lamiera curvata rivestito a mosaico, che sembra staccarsi dalla parete quasi come fosse una pelle. Di qui il nome, Skin.

Per aumentare l’”effetto pelle”, il pezzo di parete retrostante il lavabo rimane al grezzo e non rifinito, come se il lavabo si fosse proprio appena staccato dal muro.
La sensazione che restituisce è di grande leggerezza e di continuità con la parete.

lavabo skin - daniele lago

Assieme a Skin saranno in esposizione anche Steel e 20Gradi.

Ti aspettiamo alla presentazione:

RE-DESIGN BATHROOM @ CERSAIE
LAGOSTORE Bologna – ore 18.30
V.le Q. Filopanti, 4p