Intervista a Carlo Cretella, il Redesigner del nuovo LAGO WELCOME di Verona

Qualche mese fa, al Salone del Mobile di Milano, abbiamo presentato LAGO Interior Life, il pensiero-guida che ispira il nostro lavoro con cui vogliamo generare empatia fra la vita interiore di ciascuno di noi e la vita degli interni che abitiamo. L’equazione è semplice: “Se trascorri il tuo tempo in ambienti di qualità, allora anche la qualità della tua vita sarà migliore”.

Abbiamo trasferito questo approccio al mondo del turismo perché crediamo che il design possa migliorare la vita negli spazi anche dove siamo solo di passaggio, come gli Hotel o i B&B. Così è nato LAGO WELCOME, un format rivolto a chi vuole investire in strutture ricettive e crede nell’unicità dell’esperienza che un progetto di interior design può generare.

Dopo l’inaugurazione del primo LAGO WELCOME francese, il Lion Blanc di Saint Tropez, abbiamo aperto il primo LAGO WELCOME Italiano, il Verona Design B&B.
Ce lo siamo fatti raccontare dall’architetto Carlo Cretella, il LAGO REDESIGNER che ha progettato gli interni.

Verona design

Com’è nato il progetto B&B Verona Design, primo LAGO WELCOME italiano?

Il progetto del B&B Verona Design è nato nei primi mesi del 2014 dall’esigenza di un’imprenditrice che voleva ristrutturare un grande appartamento nel quartiere storico Filippini a Verona per farlo diventare un B&B.

Il progetto di restauro, sviluppato insieme all’arch. Nicola Cacciatori, doveva interpretare in modo contemporaneo le esigenze del turista con un’attenzione quasi maniacale al comfort delle camere. La richiesta della committenza era, infatti, di creare ampie camere, improntate all’home feeling, che offrissero lo stesso comfort di una casa e fossero particolarmente curate dal punto di vista tecnologico.

Per questo le camere sono state divise con doppie pareti in cartongesso facendo attenzione ai ponti acustici, mentre i solai in legno sono stati isolati acusticamente per difenderle dai suoni del ristorante sottostante. Inoltre l’aria condizionata canalizzata è stata posizionata in punti che non disturbassero il sonno e i portoncini sono stati dotati di badge di accesso.

Il LAGO WELCOME si inserisce in un contesto storico interessante. Parlaci del quartiere. 

Il quartiere Filippini si trova sulle rive dell’Adige, all’interno delle Mura Magistrali, a pochi passi dall’Arena. È un tipico quartiere veronese, dove le botteghe sono ancora il punto di riferimento degli abitanti, i ristoranti cucinano i piatti tipici e le persone si conoscono tutte, perché la popolazione tende a non emigrare.

Il quartiere, oltre a essere piacevole per la facilità della vita quotidiana, è anche costellato
da particolari architetture che rendono il luogo pregno di cultura e storicità. Imboccando la strada principale ci si imbatte in una delle più belle chiese di Verona, la Chiesa di San Fermo, un’architettura romanica del 1350 che rende l’accesso al quartiere particolarmente accattivante. Poco più in là troviamo la Dogana Vecchia e, proprio di fronte alle finestre del B&B, l’ingresso al Vecchio Macello di Verona.

Durante l’anno il quartiere è tranquillo, ma si anima nel periodo del Carnevale, uno dei più antichi d’Italia, che dal 1531 è detto Bacanàl del Gnoco.

1588100332_257d7a6c22_o

In che modo il tuo progetto d’interior si intona a questa cornice?

Per il mood dell’interior mi sono soffermato su un aspetto particolare della location: i suoni che arrivano dall’esterno. Alle camere giungono le note della lirica in Arena e il fragore della corrente dell’Adige.

Ho provato così a ricreare un ambiente che accogliesse al meglio il suono con arredi sospesi e leggeri che rendessero le stanze quasi sospese nel tempo. Gli arredi LAGO completano in modo esemplare il senso del progetto: i letti Fluttua che poggiano su di una sola gamba, o gli arredi Air, sostenuti da supporti in vetro quasi invisibili, generano un senso di leggerezza e di stupore in chi entra nelle stanze.

Il secondo tema che ho voluto trasmettere è stato quello del colore.  La monocromia dell’involucro permetteva di dar sfogo a palette di colori di ogni tipo, ma anche questo dettaglio è stato accostato al tema progettuale.

A una base color Mandorla, che si ritrova nelle tinte dei muri e nelle fasce degli armadi N.O.W., si aggiungono le tonalità dei moduli del sistema di contenimento 36e8 che riprendono i colori dell’Adige nei diversi momenti dell’anno: dal color Argilla del periodo estivo al Fango del periodo autunnale.

_MMM8046

Qual è il plus di questo progetto?

L’esperienzialità che si può vivere all’interno e all’esterno di questo B&B. Al contesto di design e comfort con arredi che fanno sentire accolti e dove la spontaneità di Arianna, host del B&B, fa il resto, si aggiunge la possibilità di fare molte esperienze all’esterno. Ci si può recare a vedere un’opera in Arena, che dista solo cinque minuti a piedi, o cenare a lume di candela al ristorante Vecio Macello nelle stanze sotto il B&B, assaporando piatti e vini tipici del veronese come i bolliti con la pearà o i vini della Valpolicella; o ancora uscire per un’escursione sull’Adige a bordo di una canoa.

La fotografia è protagonista delle stanze. Come si inserisce la fotografia nel design?

Grazie alla lungimiranza del committente, gli allestimenti della struttura sono stati realizzati in collaborazione con Verona Fotografia sotto la supervisione del fotografo Marco Monari.
“One Sigarette”, il progetto fotografico in esposizione, è una ricerca sui luoghi delle città che vengono solitamente visitati e vissuti in fretta. Undici scatti, realizzati in diverse città europee, nel tempo di una sigaretta.

La fotografia è parte attiva del design dello spazio. I materiali di stampa richiamano gli arredi e l’idea progettuale degli interni. Questo è solo un primo appuntamento con l’arte, ma in futuro ne seguiranno altri.

Che colonna sonora sceglieresti per questo spazio?

“Libiamo ne’ lieti calici”, l’aria de “La Traviata” di Verdi che il vento porta fin qui dall’Arena.
https://www.youtube.com/watch?v=l8AF3q-nmn8

DSC_2988

14291385174_f0c4ff8ac9_k

DSC_3003

 Il Verona Design B&B è in via macello, 8a Verona.
Per maggiori informazioni, clicca qui.

Questo post è disponibile anche in: Inglese

One thought on “Intervista a Carlo Cretella, il Redesigner del nuovo LAGO WELCOME di Verona

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>