Monthly Archives: August 2013

Intervista a Brit Leissler, designer della poltroncina Huggy

brit_huggy_first_protoBrit Leissler è una vecchia amica di Lago. Nel dicembre 2006 ha partecipato, per la prima volta, a un workshop di Lagostudio. All’epoca era una studentessa in product design al Royal College of Art di Londra. Nell’estate del 2007, è tornata in Italia per un secondo workshop di Lagostudio durante il quale ha concepito la poltroncina Huggy. Nella sua formazione rientrano anche studi di design all’International School of Design di Colonia e al California College of the Arts di San Francisco. Per alcuni anni ha lavorato come designer per diverse aziende in Germania e in Svizzera.

Ma chi è Brit Leissler? Tedesca di nascita, vive a Londra dal 2005. Nel suo sito, racconta di sé: “Brit viaggia molto, ama tutte le forme di eccentricità, unisce i puntini e si diverte a intessere interessanti conversazioni con persone strane e meravigliose. Non mangia animali, adora il formaggio, ama gli scoiattoli di Kensington, i movimenti della robotic dance e il fatto che la vita stimoli le idee”.

Valentina: Ciao Brit. È un piacere rivederti. Iniziamo con Huggy, la poltroncina che hai disegnato per Lago. Raccontami, come t’è uscita quest’idea?

Brit Leissler: Partecipavo al Lagostudio. Era il 2007. Stavo giocando con i materiali, cercando di creare delle forme. Avevo questo pezzo di spugna, che rappresentava un materasso e ho cercato vari modi per dargli una forma. Ho notato che se lo arrotolavo e lo fissavo sul lato inferiore, si apriva dall’altro e diventava una specie di fiore e che questa forma avrebbe funzionato molto bene come seduta. Quando Daniele Lago vide la mia presentazione, anche se in questa fase prematura, si rese conto del potenziale dell’idea e mi chiese di svilupparla ulteriormente. Così sono uscita a comprare un enorme pezzo di spugna. È stato divertentissimo, una piccola avventura, trasportare quel materasso in cima al tetto della macchina di Lagostudio, una vecchia Fiat arrugginita che sembrava cadesse a pezzi. Ricordo che fu un pomeriggio molto divertente!

Primo bozzetto della poltroncina Huggy - Settembre 2007

Primo bozzetto della poltroncina Huggy – Settembre 2007

V: Posso immaginare! È stato difficile trasformare il concept in prodotto?

B: Beh…ho realizzato così tanti prototipi…perché cambiando anche un solo parametro, dovevo cambiare tutti gli altri. Nella fase iniziale di sviluppo è tutto un percorso di prove ed errori; devi capire cosa può funzionare e cosa no. Ho dovuto provare materiali con densità diverse, differenti diametri per il cilindro, vari spessori per il materasso, perché tutte queste cose sono connesse nel design di Huggy. Il materasso deve lavorare come un letto in termini di lunghezza, densità, spessore e, allo stesso tempo, funzionare come comoda seduta. Volevo rendere il prodotto molto semplice, un materasso incastrato in un anello, quindi ho fatto una semplice struttura di legno in cui ho spremuto il materasso e ha funzionato! Eravamo ancora lontani da un prodotto finito, ma ha funzionato. Uno poteva sedersi e questo dimostrò che Huggy poteva diventare un prodotto vero e proprio. Era un punto di partenza. Quello di cui molte persone non si rendono conto è che la parte principale del design è invisibile. Non la vedi nel prodotto finale.

Primo modellino della poltroncina Huggy

Primo modellino della poltroncina Huggy – Settembre 2007

V: Sì, penso che il “work in progress” sia molto interessante e poi gli ostacoli, a volte, ci possono portare soluzioni nuove, magari migliori di quelle che avevamo pensato all’inizio…

B: Sì, hai assolutamente ragione! È importante mantenere una visione chiara lungo la strada. Bisogna essere di mentalità aperta e accettare che quello che si ha in mente all’inizio potrebbe non funzionare…essere aperti a nuove soluzioni. Il problema è che, a volte, le persone diventano troppo ossessionate da un’idea e cercano di spingerla con qualsiasi mezzo, anche quando è chiaro che non funzionerà; così nascono progetti troppo complicati, super stilosi. Io non sono in alcun modo una stilista, ecco perché ho chiamato il mio studio “Shoot the stylist” (spara allo stilista). Credo nella bellezza, ma la ritrovo nella semplicità, non in un eccesso di decorazione.

prototipo poltroncina Huggy

Secondo prototipo della poltroncina Huggy – Dicembre 2007

V: In effetti Huggy è molto semplice, anche nella possibilità di trasformarsi in un letto. Questa doppia funzione risolve tantissimi problemi, soprattutto quando hai ospiti in casa e non sai dove metterli! È un design che aiuta la vita quotidiana, che non la complica.

B: Sì, sono molto orgogliosa del prodotto. Così semplice … Io sono una grande fan della semplicità e dell’approccio “ciò che vedi, è ciò che compri”. Alcune persone potrebbero vederlo come un approccio di non-design, perché non riguarda troppo lo stile. Per me si tratta piuttosto di lasciare che il concetto realizzi se stesso. Non mi piacciono i meccanismi complicati; credo che fare design significhi trovare l’essenza di un’idea e poi quest’idea si realizzerà da sola. In un certo senso è un approccio molto Lago, per questo credo che questo sia un terreno meraviglioso per un rapporto di lavoro tra azienda e designer.

Come usare Huggy

Da poltroncina Huggy diventa un comodo letto d’emergenza

V: Questo approccio di non-design si adatta bene alla nostra società, così liquida, sempre mutevole, in cui nulla è allo stesso modo. E Huggy è proprio figlia di questo mondo iper-mutevole. Ha anche vinto il Good Design Award 2009

B: Il Good Design Award è stato il riconoscimento ufficiale del mio design! Credo che il design debba avere una componente emotiva. Sempre. In qualche modo Huggy tocca le persone emotivamente, perché crea uno spazio così intimo e accogliente come un abbraccio!

V: Brit, mi hai incuriosito, come mai hai chiamato il tuo studio “Shoot the Stylist”?

B: Sai, un sacco di gente confonde il design con lo styling della forma, ma è molto più di questo! Idealmente, il design dovrebbe riguardare un concetto o un’intera filosofia. La mia filosofia si può definire “ambientalismo emozionale”…se può aver senso.

V: Che cosa intendi con ambientalismo emozionale?

B: Credo che il design dovrebbe creare vie, più che cose! Infatti, il design può anche creare cose intangibili, immateriali… può fornire anche solo una struttura, o un servizio, o una situazione. Questo è ciò che voglio creare: un design che dia un beneficio, che aiuti a vivere. In questo modo di pensare dev’essere coinvolta anche l’etica. Poco fa parlavi dei tempi in cui viviamo…penso che i tempi in cui viviamo non siano certamente molto etici. Sembra che la regola sia: “Finché riesci a farla franca, tutto è permesso”. Ai giorni nostri sono le persone più insapori, avide, volgari e senza arte, né parte a farla da padrone, a fare più soldi. I soldi sono il principio guida dei nostri tempi ed è così da un po’ di tempo. Per opporsi a questo serve un “design etico”.

Punch and Cuddle by Brit Leissler - Example of emotional furniture

Punch and Cuddle by Brit Leissler – Esempio di arredamento emozionale

V: Sto intervistando anche altri giovani designer in questo periodo… l’etica è una parola ricorrente. Forse questa crisi sta spingendo le imprese, i designer, ognuno di noi a ripensare il proprio atteggiamento verso l’ambiente.

B: Quando si progetta si dovrebbero prendere in considerazione non solo i costi di produzione…certo, sono importanti, altrimenti è impossibile produrre qualcosa e renderlo fattibile. Tuttavia, bisogna anche considerare i costi ambientali e persino quelli socio-culturali del prodotto. Se si creano solo cose brutte, in un certo modo si contribuisce a rendere brutto il mondo. E non sto parlando solo di come appaiono le cose. Parlo di ciò che rappresentano come sistema di valori. Io non sono per gli espedienti, ma non sono nemmeno contro la leggerezza (di cuore) nel design. Il design può essere divertente, anche stupido; quello che conta è che tocchi la gente in un modo o nell’altro…e offra un certo beneficio. Sento che ci sono moltissimi bisogni che le persone hanno e che non sono soddisfatti dai designer. Con Lago sento che c’è lo spazio per creare prodotti su larga scala, raggiungendo molte persone e, per questo, creare un “impatto silenzioso” nella vita quotidiana della gente.

V: Un impatto silenzioso nella vita delle persone…

B: Sì, questo è quello che può fare il design…idealmente…creare un cambiamento nel modo di vivere. Non voglio essere una “dittatrice del design”. Voglio dire piuttosto che come designer devi essere in grado di leggere, con sensibilità, il modo di vivere, le interazioni che le persone hanno ogni giorno, ecc. Come designer puoi creare il contesto per il prodotto…costruire un mondo…se si tratta di un mondo nel quale la gente si identifica, troverai sempre un “mercato” per il tuo prodotto. Non credo molto nel marketing; credo piuttosto nel toccare davvero le emozioni della gente, non nel cercare artificialmente di convincerli a comprare qualcosa di cui non hanno realmente bisogno. Quindi se le persone sentono di identificarsi con il tuo “mondo” e le cose che disegni, parteciperanno spontaneamente…Non so se tutto questo sia comprensibile…è un po’ astratto, mi rendo conto, ma mi hai chiesto qual è la mia filosofia…Penso che, come designer, sia importante avere un certo senso di responsabilità, perché hai una grande responsabilità, quando crei qualcosa per gli altri.