Confronto, parola chiave del secondo workshop Lagostudio

Ieri abbiamo accolto in LAGO i designer del secondo workshop Lagostudio che si terrà dal 15 al 26 luglio. Un gruppo molto eterogeneo che, questa volta, raccoglie ben sei paesi: Italia, Spagna, Portogallo, Svezia, Russia, Colombia. Le diverse provenienze non hanno, però, impedito ai ragazzi di misurarsi molto in fretta fra di loro, abbattendo le barriere linguistiche e sociali ed entrando immediatamente in sintonia.

L’aspetto che, di questo secondo gruppo di designer, balza subito agli occhi è che, al di là dei background differenti, hanno tutti un linguaggio comune, anzi due: l’interesse per il design e la capacità di lavorare con gli altri. 

Appena messo piede in azienda si sono sparpagliati all’interno dello showroom toccando, osservando, testando il design LAGO. È stato bello vedere quest’interesse verso la funzionalità, i materiali, le superfici, perché il ruolo del designer non dovrebbe essere solamente quello di disegnare bozzetti di prodotti immaginati scollegati dalla realtà, ma incontrare i bisogni reali e risolverli. E i bisogni reali si capiscono mettendosi nei panni del fruitore, facendo esperienza tattile di un prodotto, mantenendo in fase di progettazione una certa aderenza alla realtà fisica dell’oggetto.

Dopo un tour nella Lagofabbrica per osservare da vicino la linea produttiva, i ragazzi hanno ricevuto il brief e, inaspettatamente, hanno deciso di ragionare da subito in gruppo, impegnandosi in svariati brainstorming collettivi. Condivisione, scambio, dialogo, partecipazione sono palpabili. È un confronto continuo che incarna perfettamente i valori con cui Lagostudio è nato. 

lagostudio group

Fra i designer selezionati per il secondo workshop Lagostudio vi è anche il vincitore del premio Medalla ADI 2013 di ADI-FAD (l’Associazione di Design Industriale spagnola, per intenderci), che è dedicato ogni anno a giovani professionisti appena laureati.

Si tratta di una collaborazione avviata fra LAGO e ADI-FAD lo scorso anno che prevede che il primo classificato della competizione entri di diritto in uno dei workshop estivi di Lagostudio. Un’iniziativa che esprime ancora una volta la volontà dell’azienda di contaminarsi, di mantenersi aperta agli stimoli esterni, di attirare creatività fresca e incontaminata.

gennis senen

Da giovane designer so che è molto difficile trovare oggi imprese o istituti che cerchino davvero nuovi talenti” ci spiega Gennís Senen, il vincitore della medaglia ADI-FAD 2013, ”per questo non posso che ringraziare l’ADI-FAD che organizza concorsi che danno valore al nostro lavoro e aiutano a farci conoscere e LAGO per darci l’opportunità di poter dimostrare concretamente quello che siamo in grado di fare“.

Design Angel di questo gruppo di Lagostudio sarà l’Architetto Marco Rainò, dello studio BRH+, che intervisteremo la prossima settimana e con cui indagheremo tematiche di interior che escono dal concetto di casa.

 

Questo post è disponibile anche in: Inglese

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>