Monthly Archives: May 2011

LAGO Outdoor

Fino al 1° giugno, in piazzetta Santo Spirito a Bergamo, sarà possibile provare dal vivo i Divani AIR. In collaborazione con LAGO Store Bergamo, è stata allestita l’area esterna del “Bar in Piazza”. È un’ottima occasione per toccare con mano il nostro divano modulare e gustarsi comodi, comodi, un buon aperitivo, di fronte alla facciata della chiesa trecentesca.

Divano Air Outdoor Bergamo

I Divani AIR in versione outdoor sono stati pensati per non rinunciare al comfort e al design del prodotto da interni. Mantengono la modularità, che rappresenta uno dei plus del prodotto. L’unica differenza la fa il tessuto impiegato che è estremamente resistente ai raggi solari, idrorepellente e traspirante.

Per saperne di più sui Divani LAGO visita il sito dedicato oppure cerca il rivenditore più vicino a te.

LAGO is Nhow

Inaugura giovedì 26 maggio, all’Hotel Nhow di Milano, la mostra Rooms, dedicata a ricreare all’interno di uno spazio pubblico – un hotel – degli ambienti privati e domestici.

Invitation ROOMS

Il tema scelto per la mostra spinge ad interrogarsi sul confine tra pubblico e privato. Se la vita che si svolge all’interno delle abitazioni – assieme ai pensieri, gli oggetti, i mobili, le relazioni – è privata, quella che si svolge all’interno di un hotel ha dei confini molto meno netti. L’hotel è uno spazio pubblico, per quanto la fruizione sia, in un certo senso, anche privata.

Rooms vuole indagare proprio il concetto di “privato” oggi, tessendo un dialogo tra le due realtà e aiutando il visitatore a orientarsi all’interno di uno spazio che non gli appartiene. L’intento è quello di dare al visitatore-cliente la sensazione se pur illusoria di sentirsi a casa.

Grazie alla collaborazione col LAGO Store Milano, LAGO presenta alla mostra AIR, un letto che offre una lettura nuova dello spazio, modificando la percezione dei rapporti pieno/vuoto, leggero/pesante.

Letto AIR

Grazie alle quattro lastre in cristallo trasparente, che sorreggono la base del letto in HPL, sembra che AIR fluttui nell’aria, quasi fosse sospeso nel vuoto.
Le venti figure del kamasutra ricavate nel telaio, oltre a divertire e rendere sexy il letto, consentono al materasso stesso di essere areato. La luce posta sotto la base crea un effetto scenografico unico: a luci spente, nella notte, questo tappeto volante concilia, più che il sonno, il sogno.

Il letto AIR sarà in mostra dal 26 maggio al 16 settembre.

Nuovo LAGO Space a Prato

Oltre agli Store monomarca, la rete distributiva di LAGO si avvale anche di tanti Shop in Shop che mettono la loro professionalità e la loro passione al servizio dell’azienda e del cliente. Parlo di Point e Space, negozi selezionati che ospitano da 6 a 10 ambienti LAGO.

Domani inauguriamo, a Prato in Via Fabio Filzi 105, un nuovo LAGO Space XL.

comiarredamenti invito 19 maggio

Gli amici di Comiarredamenti hanno lavorato tantissimo perché tutto fosse pronto per l’inaugurazione…La serata prevede un cocktail party con musica dal vivo a base di rock anni ‘60 e ‘70, blues e jazz, naturalmente un rinfresco e un’interessante mostra di “new digital art” dell’artista Simon Miller che ha contribuito alla realizzazione dell’evento.

Si stimano 500 partecipanti! Facciamo a Comiarredamenti un grande in bocca al lupo per questa nuova avventura e diamo loro il benvenuto a bordo!

Qui sotto, in anteprima, due foto degli ambienti LAGO nel nuovo Lago Space di Prato:

Moda e design al Lago Store Brescia

Ai nostri rivenditori piace la moda. Dopo Vicenza, anche Brescia propone una serata all’insegna di un connubio fra moda e design.

Domani sera, 13 maggio, a partire dalle 19.30 il Lago Store Brescia di Corso Magenta 43 ospiterà la collezione autunno-inverno di Cristiano Fissore, storica griffe di capi in cashmere e lane nobili, e quella del giovane marchio Block Industrie, con capi uomo e donna caratterizzati da texture e tagli a metà tra rivisitazione classica e innovazione.

Vale la pena fare un giretto a Brescia se si è in zona. Anche perché la città dal 12 al 15 maggio ospita la Mille Miglia, “la corsa più bella del mondo”, come la chiamava Enzo Ferrari. Una corsa tutta dedicata alle automobili storiche, quei piccoli gioiellini d’altri tempi, tenuti con cura maniacale dai proprietari e dei quali sono gelosi quasi più dei figli.

375 vetture (tutte costruite tra il 1927 e il 1957 e selezionate tra oltre 1400 richieste) sfrecceranno lungo lo storico percorso Brescia-Roma-Brescia, attraversando 7 regioni, 177 comuni e 1 stato estero (San Marino).

Design – Moda – Automobili. Un fine settimana da non perdere per gli appassionati.

invito Brescia
invito Lago Store Brescia

Il viaggio di Giacomo ricomincia

He did it! Ce l’ha fatta.

giacomo crossing the english channel

Dopo uno stop obbligato a causa di un virus che l’ha messo a dura prova, Giacomo de Stefano – il nostro Man On The River – è ripartito per il suo viaggio London to Instanbul, alla ricerca di un modo di viaggiare sostenibile attraverso i fiumi, per farci capire che l’acqua è un bene prezioso e va conservato.

Lunedì Giacomo ha finalmente attraversato la Manica a bordo della Clodia, la barca che ha costruito con l’aiuto di Roland Poltock nella nostra Art Waiting Room, nell’inverno del 2010.

Come racconta, la Manica costituisce un punto critico del percorso che lo porterà, attraverso i principali fiumi europei, sino in Turchia: “Attraversare la Manica è qualcosa di veramente speciale. Per renderlo reale abbiamo contato su molti amici, ma anche sul nostro impegno e sui nostri sforzi. Senza dimenticare una buona dose di fortuna. Ho pensato a tutte le persone che hanno perso la vita in queste acque fredde e pericolose, persino nelle migliori condizioni atmosferiche, le stesse che fortunatamente abbiamo trovato anche noi ieri. Correnti, fondali, grossi traghetti e navi commerciali: un sacco di preoccupazioni per un guscio di noce come la Clodia.

Un guscio di noce che, però, ha resistito bene alla prima tappa del viaggio. Partita da Ramsgate alle 06.45, la Clodia è arrivata a destinazione a Gravelines (Grand Fort Philippe per i francesi), alle ore 16.00.

Auguriamo a Giacomo un buon viaggio e ci faremo vivi di tanto in tanto per segnalarvi qualche curiosità sul suo viaggio. Se non avete la pazienza di aspettare, potete leggere il suo diario di bordo!

Mario Brunello in concerto @ LagoFabbrica

Only one day to go until the Mario Brunello concert. Have you made your reservation? Act soon because seating is limited. All you need to do is register on the website Festival delle Città Impresa and sign up for the event.

Mario Brunello

If are feeling lost by the wayside, let me explain what I am talking about…

As you know, LAGO has contamination with other realities in its DNA. This times we are contaminating ourselves with music and we are doing it in an unusual way: we are hosting “I thought it was Bach”, a musical event for which Mario Brunello will perform a selection of Bach suites for violoncello in a suggestive and unexpected location: the LagoFabbrica. Which is to say in a business space that is normally dedicated to production and that will become an Auditorium for the evening.

It will be stupendous to see the factory emptied of machinery and filled with musical notes. From the production of products to the production of music, of culture.
Betting on the capacity of a business to produce culture is a choice we made some years ago, moved by the desire to have a positive impact on our territory. And we are reaping the good fruits of this decision.

The event tomorrow evening (starting at 8pm) will start off with the technical manager of Ferrari, Roberto Fedeli, who will demonstrate how a motor attains perfection through a highly refined process that begins from its most “human” characteristic, which is to say the sound it produces.

This will be followed with the performance by Mario Brunello, who will be accompanied by the “metropolitan” video commentary of another great of the world of Italian music, Vinicio Capossela.

But for those who have time, the evening will begin before 8pm. At 6pm we will take a tour led by Anna Scalfi Eghenter, who will show us the project she designed for the industrial zone of Villa del Conte and that she created in our Art Waiting Room, where we are scheduled to arrive at 7pm. Here is the invitation…
invitation to the festival delle città impresa

A day of intriguing contaminations, not to be missed!

LagoFabbrica – “LagoFabbrica” derived from a project by Italo Chiucchini, a non-factory that produces insofar as conceived according to the criteria of organic domestic architecture. Here, noble materials not commonly used for industries meet: architectural systems made to the measure of man create harmonious sequences of inclined pitches, wooden beams, bricks and glass, terracotta, steel and aluminum.

Mario Brunello – Born in Castelfranco Veneto (Treviso), studied at the Venice Conservatory with Adriano Vendramelli and Antonio Janigro. In 1986 he won first prize at the International Competition Čajkovskij of Moscow in the category dedicated to the violoncello.

Founder and director of the Italian String Orchestra, he has performed in the most important concert halls worldwide, conducted by the biggest names, including Claudio Abbado, Myung-Whun Chung, Valery Gergiev, Carlo Maria Giulini, Eliahu Inbal, Marek Janowski, Riccardo Muti, Zubin Mehta and Seiji Ozawa.

He plays a Maggini violoncello made in 1600 that belonged to Benedetto Mazzacurati and then later to Franco Rossi, violoncellist of the Quartetto Italiano.

In Castelfranco Veneto, he hometown, he gives concerts, courses and master classes at Capannone Antiruggine, a historical factory where one once worked with iron and has now been transformed into a concert hall.

A future love story – An evolved industrial district

Our Art Waiting Room is currently in the able hands of Anna Scalfi Eghenter, an artist from Trent who, through her art, seeks to trigger participatory dynamics beyond the strictly artistic sphere and in relation to such themes as the economy, the environment, daily life and living.

art waiting room anna scalfi eghenter

Her new project, “Time is the place”, for fondazione march, invites reflection on the critical points of mobility in the industrial zone of Villa del Conte (PD), offering creative strategies to users that can become new habits and that stimulate relations between businesses.

Through research on transportation (train and bus routes and schedules, parking, metropolitan surface projects) and on the ways, habits, schedules and motivations of those who work, live or arrive in Villa del Conte, Anna in generating a series of targeted artistic interventions such as Workstation (the artist’s studio), Time Ticket (a ticket which has a time as its destination, not a place), Usucapio (train station seating dedicated to commuters), Born to Be Stolen (fluorescent bicycles with instructions for how they can be stolen), Fairway (industrial golf course with the course holes located at participating businesses) and Mapcase (bookstore-archive in the shape of a map of Villa del Conte).

fluorescent bike born to be stolen

The goal is to transform the industrial zone of Villa del Conte into an evolved industrial district – not in the literal meaning of the term that signifies a socio-economic entity constituted by a group of businesses of a productive sector located in a circumscribed area, among which there is collaboration but also competition, but rather in the sense of a place constituted by a group of businesses from diverse productive sectors that share services, visions and points of aggregation.

industrial golf

We are getting the ball rolling on Thursday, 28 April with a tour through the industrial zone that departs at 6pm from the Villa del Conte train station.
The industrial zone will be transformed into an enormous gold course in which the businesses constitute the eleven holes. Cement and soil, a few pieces of turf near the gates. Soft, environmentally-friendly balls. Outside of each business, its respective logo is made into a flag signaling a point to be scored. Derived from Urban Golf, Industrial Golf is a new way of relating to public space in the city.

golf course a love story

At 7pm we will shift to the LAGO waiting room for the exhibition opening. Later, at 8pm, we will host a concert by Mario Brunello in the LagoFabbrica, which we will tell you about soon.

For information on rounds of Industrial Golf in the Industrial Zone of Villa del Conte contact fondazione march – info@fondazionemarch.org

Anna Scalfi Eghenter, born in Trent in 1965, conceives art as a subversive frame that alters the boundaries of action. The entire organizational process of her projects takes an analytic perspective of mechanisms of negotiation between art and civil society. An independent artist, she intervenes with site-specific projects that trigger participatory dynamics that extend beyond the strictly artistic sphere on themes such as the economy, the environment, daily life and living.
She currently works in London where she is advancing her project “From inside (I like the system)”, through a PhD program at the Essex Business School. Her work reflects an interdisciplinary background, having studied at the School of Fine Arts, Brera (Milan), the Academy of Theatrical Arts S. D’Amico (Rome) and in the Sociology department at Trent. The artworks of Scalfi Eghenter have been displayed
at the Pistoletto Foundation in Biella (2010), the Foundation of the Civic Gallery of Trent (2009), the Sandretto Re Rebaudengo Foundation in Turin (2008), the MART-Museum of Modern and Contemporary Art in Rovereto (2007), and at  Manifesta7-Parallel Events (2008).

L’Appartamento vince il Premio Adecco

Questa volta ad essere premiato non è un nostro prodotto, ma un progetto a cui teniamo particolarmente: l’Appartamento Lago. Venerdì scorso Diego Paccagnella, ideatore e Art Director del progetto, ha ritirato ad Asolo il  Premio Adecco Festival delle Città Impresa, attribuito a Lago S.p.A. “per aver sviluppato un uso innovativo del Design”.

festival-città-impresa

Il primo Appartamento è stato aperto due anni fa in via Tortona, 21 a Milano. È stato arredato esclusivamente con prodotti Lago e lo staff – 13 persone – lo ha abitato per l’intero periodo del Salone. Di giorno si viveva con le porte aperte e i primi visitatori hanno iniziato a salire le scale e ad entrare (talvolta chiedendo “permesso!”, confusi dall’insolita combinazione di privato e pubblico). Da lì il flusso non si è più interrotto…dopo Tortona, Brera. Poi Venezia, Riccione, Bologna, Torino, Bergamo…in breve migliaia di visitatori, eventi di ogni sorta, molte parole, foto, video, articoli, sebbene pochi, all’inizio, avessero capito davvero la complessità del progetto.

Per questa ragione si è scelto di pubblicare, con Corraini Editore, il libro “Lago Appartamento”. Per raccontare in 180 pagine il pensiero e le ragioni che ne sono alla base, per creare un testo che potesse essere anche un manifesto per un progetto che ha l’ambinzione di attivare un cambiamento nel modo di intendere creatività e design. In esso è maturata la volontà forte di scommettere su una visione: realizzare una rete di appartamenti in cui le persone potessero incontrarsi, conoscersi, dialogare. Un network di case dove si respirasse cultura, dove si creassero energie capaci di dar vita a un cambiamento creativo nella società.

Commenta Diego Paccagnella, Creative Director Lago S.p.A.: “Un premio, come quello Adecco, diventa un’occasione davvero importante per riflettere su quanto è stato fatto e su quanto ancora si potrà fare con l’Appartamento. Spero infatti questo premio possa essere un momento di soddisfazione per tutti coloro (e sono tanti tra staff Lago, professionisti, creativi e tenants) che hanno contribuito e contribuiscono alla sua realizzazione. Spero soprattutto che questa possa essere un’occasione per rinsaldare in tutti la convinzione di prendere parte ad un progetto che non si esaurisce ma che continua a fiorire nella creatività di ciascuno dei suoi patecipanti. Credo che l’Appartamento sia un progetto corale, che nella pluralità delle voci coinvolte, quotidianamente, manifesta tutta la sua unicità!“.

premio adecco 2011

Il premio Adecco 2011

Premio Adecco 2011 – L’edizione 2011 del premio è dedicata all’Educazione. Il dinamismo delle idee è ormai uno stato di  necessità e non un vestito per la inaugurazioni che contano. È l’educazione la sua forza motrice, perché essa orienta l’uomo lasciandolo duttile, gli fa cercare il gesto perfetto pur accettando limiti ed equilibri che non avrebbe voluto. L’educazione è il recettore duttile in ognuno di noi. Il frutto proibito che la rappresenta è quindi un corpo fluido, pronto a ridefinirsi in funzione delle sollecitazioni che subisce.