Monthly Archives: April 2011

Golf e musica

Splendida giornata ieri…prima con l’Industrial Golf di Anna Scalfi Eghenter e il concerto di Mario Brunello poi.

Siamo partiti alle 18.00, dalla stazione di Villa del Conte (PD). La zona industriale è diventata un terreno di gioco alquanto insolito e, per certi versi insidioso, ma comunque molto stimolante per i nostri golfisti più o meno in erba.

fairway industrial golf

“Fairway” è uno dei suggerimenti dell’artista Anna Scalfi Eghenter per riqualificare la zona industriale di Villa del Conte (PD) e scardinare la routine quotidiana. Nel territorio industriale di cemento, sterrato e un po’ di verde, ogni azienda rappresenta una buca. Gli spazi normalmente dedicati al lavoro vengono così reinterpretati, dando più spazio alla socialità e alla creatività.

Chi vuole iscriversi alle prossime partite, può contattare fondazione march – info@fondazionemarch.org

Alle 20.00 ci siamo spostati in fabbrica per ascoltare Mario Brunello e il suo concerto per violoncello, durante il quale ha eseguito delle suite di Bach. Suggestivo l’ambiente della fabbrica che si è riempita di un “rumore” diverso dal solito. Era da molto che volevamo fare qualcosa nella LagoFabbrica per dimostrare che qualsiasi spazio, anche quello che in un’azienda è dedicato alla produzione, può farsi veicolo di cultura. Le quasi 500 persone che sono intervenute ci fanno ben sperare di aver intrapreso la strada giusta e ci danno la conferma che, se stimolato in modo diverso, anche il nostro territorio è vivo e curioso.

Mario Brunello in concerto @ LagoFabbrica

Manca solamente un giorno all’appuntamento con Mario Brunello. Vi siete iscritti? Forza, forza i posti sono limitati. Basta registrarsi al sito di Festival delle Città Impresa e iscriversi all’evento.

Mario Brunello

Se vi siete persi dei pezzi per strada, ora vi spiego meglio di che parlo…

Come sapete LAGO ha la contaminazione con altre realtà nel suo DNA. Questa volta ci contaminiamo con la musica e lo facciamo in un modo insolito: ospitando “Pensavo fosse Bach”, uno spettacolo musicale in cui Mario Brunello eseguirà alcune suite di Bach per violoncello in una location suggestiva e inusuale: la LagoFabbrica. Ossia proprio in quegli spazi aziendali che vengono, normalmente, dedicati alla produzione e che diventeranno Auditorium per una sera.

Sarà bello vedere la fabbrica svuotata dei macchinari e riempita di note. Dalla produzione di prodotti alla produzione di musica, di cultura.
Scommettere sulla capacità di un’azienda di produrre cultura è una scelta che abbiamo fatto qualche anno fa, mossi dalla volontà di portare un impatto positivo sul nostro territorio. E stiamo raccogliendo dei buoni frutti.

La serata di domani (si parte alle ore 20.00) inizierà con un intervento del responsabile tecnico della Ferrari, Roberto Fedeli, che ci illustrerà come un motore raggiunge la perfezione attraverso un percorso raffinatissimo, partendo dalla sua caratteristica più “umana”, ovvero il suono che produce.

A seguire la performance di Mario Brunello che sarà accompagnato in video dal commento “metropolitano” di un altro grande della musica italiana, Vinicio Capossela.

In realtà, per chi avesse tempo, la giornata inizia prima delle 20.00. Alle 18.00 faremo un tour con Anna Scalfi Eghenter che ci illustrerà il progetto che ha pensato per la zona industriale di Villa del Conte e che ha realizzato nella nostra Art Waiting Room, dove arriveremo alle 19.00. Vi giro l’invito…


invito festival delle città impresa

Una giornata di interessanti contaminazioni a cui non potete assolutamente mancare!

LagoFabbrica – Dal progetto dell’architetto Italo Chiucchini nasce “LagoFabbrica”, la non-fabbrica che produce in quanto concepita secondo i principali criteri di bioedilizia domestica. Qui materie nobili inusuali per le industrie si incontrano: sistemi architettonici a misura d’uomo creano sequenze armoniche di falde inclinate, travi in legno, mattoni e vetro, cotto, acciaio e alluminio.

Mario Brunello – Nato a Castelfranco Veneto (Treviso), ha studiato al Conservatorio di Venezia con Adriano Vendramelli e Antonio Janigro. Nel 1986 ha vinto il primo premio al Concorso internazionale Čajkovskij di Mosca nella categoria dedicata al violoncello.

Fondatore e direttore dell’Orchestra d’archi italiana, si è esibito nelle maggiori sale da concerto del mondo, diretto da nomi di grande prestigio quali Claudio Abbado, Myung-Whun Chung, Valery Gergiev, Carlo Maria Giulini, Eliahu Inbal, Marek Janowski, Riccardo Muti, Zubin Mehta e Seiji Ozawa.

Suona un violoncello Maggini del 1600 appartenuto a Benedetto Mazzacurati e successivamente a Franco Rossi, violoncellista del Quartetto Italiano.

A Castelfranco Veneto, sua città natale, tiene concerti, corsi e masterclass al Capannone Antiruggine, un’antica fabbrica dove si lavorava il ferro riadibita a sala da concerto.

A future love story – Un distretto industriale evoluto

In questi giorni la nostra Art Waiting Room è nelle mani di Anna Scalfi Eghenter, artista trentina che, attraverso l’arte, cerca di innescare dinamiche partecipative oltre l’ambito strettamente artistico su temi come l’economia, l’ambiente, la vita quotidiana e l’abitare.

art waiting room anna scalfi eghenter

Il suo nuovo progetto “Il tempo è il luogo”, a cura di fondazione march, invita a riflettere sui punti critici della mobilità della zona industriale di Villa del Conte (PD), proponendo strategie creative ai fruitori che possano diventare nuove abitudini e che stimolino le relazioni tra le aziende.

Grazie all’indagine sui trasporti (tratte e orari di treno e bus, parcheggi, progetti metropolitana di superficie) e sulle modalità, le abitudini, gli orari e le motivazioni di chi a Villa del Conte lavora, abita o arriva, Anna sta generando una serie di interventi artistici mirati come Workstation (laboratorio dell’artista), Time Ticket (un biglietto dove la destinazione è il tempo e non il luogo), Usucapio (sedili FS dedicati ai pendolari), Born to Be Stolen (biciclette fluo con istruzioni per il furto), Fairway (campo di industrial golf realizzato tra le aziende), Mapcase (libreria-archivio a forma della mappa di Villa del Conte).

bici fluo born to be stolen

Lo scopo è far diventare la zona industriale di Villa del Conte un distretto industriale evoluto – non nell’accezione propria del termine che delinea un’entità socioeconomica costituita da un insieme di imprese di uno stesso settore produttivo localizzato in un’area circoscritta, tra le quali vi è collaborazione ma anche concorrenza – ma nel senso di un luogo costituito da un insieme di imprese di diversi settori produttivi che condividono servizi, visioni e punti di aggregazione.

industrial golf

Inauguriamo giovedì 28 aprile con un tour attraverso la zona industriale che parte alle ore 18.00 dalla stazione FS di Villa del Conte.
La zona industriale viene trasformata in un’enorme campo da golf dove le aziende costituiscono le undici buche. Cemento e sterrato, qualche tappeto di prato vicino ai cancelli. Palline morbide, compatibili con l’ambiente. Fuori da ogni azienda il rispettivo logo è reso bandiera di un punto da segnare. Mutuato dall’Urban Golf, l’Industrial Golf diventa un modo nuovo di relazionarsi con lo spazio pubblico cittadino.

percorso golf a love story

Alle 19.00 ci spostiamo nella sala d’attesa di LAGO per inaugurare la mostra. A seguire, ore 20.00, il concerto di Mario Brunello nella LagoFabbrica, di cui vi racconterò prossimamente.

Per informazioni sulle partite di Industrial Golf nella Zona Industriale di Villa del Conte contattate fondazione march – info@fondazionemarch.org

Anna Scalfi Eghenter, nata a Trento nel 1965, vive l’arte come frame sovversivo i confini dell’agire concesso. L’intero processo organizzativo dei suoi progetti rientra in una prospettiva analitica dei meccanismi di negoziazione tra arte e società civile. Artista indipendente, interviene con progetti site-specific in grado di innescare dinamiche partecipative oltre l’ambito strettamente artistico, su temi come l’economia, l’ambiente, vita quotidiana e l’abitare.
Attualmente lavora a Londra dove porta avanti il progetto “From inside (I like the system)”, un programma di PhD al the Essex Business School. La sua ricerca riflette una formazione interdisciplinare all’Accademia di Belle Arti di Brera (Milan), l’Accademia d’Arte Drammatica S. D’Amico (Roma), la Facoltà di Sociologia a Trento. I lavori della Scalfi Eghenter sono stati presentati
alla Fondazione Pistoletto a Biella (2010), Fondazione Galleria Civica di Trento (2009), Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Torino (2008), MART-Museum of Modern and Contemporary Art a Rovereto (2007), così come a Manifesta7-Parallel Events (2008).

Festival delle città impresa

Dopo una settimana incredibile a Milano, passata velocissima fra Salone del Mobile, Appartamento e Fuorisalone siamo già pronti per il prossimo evento, segnatevi la data del 28 aprile.

L’evento è promosso da “Festival delle città impresa” e sarà caratterizzato da tre diversi momenti:

  • si parte dalla Stazione FS di Villa del Conte alle ore 18.00 per un tour della zona industriale con Anna Scalfi Eghenter
  • dalle ore 19.00 si prosegue con la presentazione della mostra “A future Love Story” in Art Waiting Room Lago
  • dalle ore 20.00 in Fabbrica Lago incontro con Roberto Fedeli, responsabile tecnico della Ferrari “L’arte delle regole” e a seguire l’esibizione “Pensavo fosse Bach” di Mario Brunello, violoncellista di Castelfranco veneto (TV).

Per la prima volta anche la Lagofabbrica sarà aperta al pubblico, offrendo uno scenario certamente curioso e suggestivo. Per partecipare è obbligatoria una registrazione nel sito www.festivaldellecittaimpresa.it. Il numero di posti è limitato.

Domani Giorgio Tartaro, videochat e tanti ospiti

In diretta dal divano dell’ Appartamento Brera, per il secondo anno Giorgio Tartaro conduce la sua ormai collaudata Videochat. Domani domenica 17 aprile dalle 11 a mezzogiorno.

Gli ospiti:

Robin Rizzini
Romolo Stanco
Gio’ Pagani
Giancarlo Tintori
Odoardo Fioravanti
Luisa Bocchietto, Presidente ADI

Un pre pranzo della domenica a parlar di interior design. Cosa volete di più?

Naturalmente il pregio di una videochat è che potete seguirla da questa pagina ed interagire direttamente con Giorgio da ogni angolo del pianeta. A domani su questi schermi.

 

Il design secondo LAGO

Alcuni giorni fa Cristina Morozzi, importante giornalista di settore, ha intervistato telefonicamente Daniele Lago e quanto le è stato raccontato lo ha riportato in un interessante articolo pubblicato nell’inserto Affari & Finanza di La Repubblica del 4 aprile.

Come sempre Daniele non dimentica le sue origini dalle quali non solo viene formato, ma anche trae le sue sfide come quella di far oltrepassare all’azienda la dimensione familiare.

La penna della celebre giornalista ripercorre cosìi punti cardini che definiscono il significato di “design secondo Lago”. Cristina Morozzi non si limita però a parlare semplicemente di comunicazione, organizzazione aziendale e distribuzione, ma il punto di vista che utilizza ne fa emergere la profondità di significato che vi viene attribuita. Leggerete perciò di dialogo, di cultura, di creatività ma anche di cuore, di sogni, di passione e pazzia elementi che delineano e costituiscono l’animo di Lago.

Se l’articolo non vi dovesse bastare o stimolasse ancora di più la vostra curiosità, la Design Week milanese di quest’anno sarà un’ottima occasione per entrarvi direttamente in contatto…passate a trovarci. Vi aspettiamo!!!!! ; )

Opening Lago Store Padova

Noi della Lago non scherziamo quando c’è da festeggiare, nemmeno il 1° d’aprile, all’apertura del Lago Store di Padova!

Sono state centinaia le persone che si sono alternate all’interno dello Store, dalle 18 alle 24, pochi gli assenti…in effetti era un evento da non perdere!

Dj set e proiezioni video sulle pareti dello Store si sono susseguiti durante tutto il corso della serata. Mentre il titolare, appassionato di Bike Polo, accoglieva gli ospiti in sella alla propria bicicletta, le improvvisazioni teatrali della compagnia padovana “Cambi di Scena” coinvolgevano i presenti in scene di vita quotidiana fra le “mura domestiche” del Lago Store. Divertiti i partecipanti che mostravano di sentirsi completamente a proprio agio, come a casa.

Ingrediente base del buffet, il pesce che era accompagnato da una birra artigianale locale: posizionarsi il più possibile vicino ai punti strategici diventava essenziale per poter battere la concorrenza, accapparrandosi il finger food più ambito e un bicchiere di birra, bionda o rossa.

Per chi comunque se lo fosse perso per qualsiasi motivo, lo invitiamo a visitare lo Store in Strada battaglia, 71/F (presso il Centro Diemme) perché ne vale davvero la pena. Sarete accolti da Stefano o Giacomo e Joy, il suo simpatico amico a quattro zampe!

Lago Store Vicenza – Fashion Week

Ebbene, non ci fermiamo mai!! Lo sapete…cos’abbiamo in serbo per voi stavolta?

La Fashion Week al Lago Store Vicenza…dal 2 fino al 9 aprile.
Protagonisti della settimana saranno i nuovi Divani Air e la collezione primavera-estate 2011 di “365JEANS”.

Inauguriamo domani, sabato 2 aprile.
A partire dalle 18.30 si terrà l’Opening Party con djset e buffet in compagnia delle modelle e dei modelli di 365JEANS.

Con l’occasione il negozio si trasformerà in temporary shop per tutta la settimana con l’esposizione dei prodotti di 365 jeans. Vi aspettiamo!!!

invito fashion design week - lago store vicenza