Arredamento ed advertising

Il settore dell’ arredamento è molto distante da un approccio basato sulla costruzione del brand e sulla comunicazione, questo oramai è noto.

Basta sfogliare qualche rivista per vedere come l’advertising dei marchi di arredo sia relegato a semplice esposizione del prodotto, riproduzioni di catalogo, linguaggi omologati, nessun tentativo di differenziazione e brand building. Poche aziende si rivolgono ad agenzie di comunicazione e delegano nella maggior parte dei casi ai fotografi la preparazione dei soggetti.

Dove sono i tratti distintivi del marchio? come vengono comunicati i valori intangibili? Sono pochi a mio avviso i casi di eccellenza, o almeno che tentano la direzione.

Non per forza è vincente la creatività a tutti i costi, quel che conta, come già detto, è un posizionamento distintivo e la diffusione di un’immagine coerente; a tal proposito cito il nastro rosso Flexform su caratteristica foto B/N. 

Un’ altra iniziativa degna di nota è quella di B&B italia che con Saatchi & Saatchi continua l’ironica campagna “tangible Art”.

Il media mix (tv,radio,quotidiani,magazines,outdoor,cinema,internet) è quasi tutto spostato sulle testate di settore, mentre un ruolo fondamentale è rivestito dall’ufficio stampa per la copertura redazionale.

Le Relazioni Pubbliche, ma soprattutto gli eventi, stanno ritornando in auge a scapito dell’advertising classico, scaduto a causa di eccessivo affollamento. Nel design e soprattutto nel luxury, instaurare un rapporto personale ed avvicinare il consumatore all’universo valoriale ed esperienziale costruito attorno al brand è diventato fondamentale. Esempio lampante è il Salone del Mobile con il proliferare dei fuorisalone. Esperienze multisensoriali come quella proposta quest’anno in via Pontaccio da Moroso grazie a Tokujin e 3 milioni di cannucce, fanno scuola.

 

Furnishing and Avertising

The furniture trade is very distant from a kind of approach based on communication or brand building and this is already known. You only have to look through a magazine to see how furniture advertising is confined to simple product display, catalog reproductions, uniformed languages and no attempt of diversification and brand building. Very few companies refer to a real communications agency and many of them delegate presentations of the subjects to photographers.
Where are the distinctive features of a brand? How can they communicate intangible values? There are very few examples of excellence in my opinion, which try, at least, to be in the right direction.
Creativity at all costs is not always winning. What really counts as already said, it’s a distinctive positioning and the circulation of a consistent image. In this connection I’d like to mention Flexform red stripe on the typical Black and White photography. Another notable initiative comes from B&B Italia which continues the ironic “tangible art” campaign with Saatchi & Saatchi.
The media mix
(TV, radio, newspapers, magazines, outdoor, movie industry, the Internet) is confined in trade headings while the primary role of editorial coverage is done by press offices.
Public relations, and above all events, are making their comeback at the expense of classic advertising, sunken because of overcrowding. In Design, especially in Luxury, has become essential to establish a personal relationship with the consumer helping his approach to the universe of the values and experiences built on the brand. An outstanding example is the popping up of out-of- Salone events at Salone del Mobile. Multi-sensorial experiences, as the one proposed by Moroso, thanks to Tokujin and 3 million straws, at via Postaccio this year, teach school.

Technorati tags:

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>